Secondo giorno del corso di stampa 3D in argilla, ecco com’è andato

28 Feb Secondo giorno del corso di stampa 3D in argilla, ecco com’è andato

Si è concluso anche il Laboratorio di stampa 3D con argilla, realizzato da Giovanni Panico, 3D artist e socio fondatore del FabLab Parma. La stampante che i nostri studenti hanno potuto usare è una WASP Delta 20 40 con estrusore WASP Extruder LDM (Liquid Deposit Modeling).

Dopo aver affrontato la parte più teorica durante la prima giornata di corso, finalmente siamo passati alla parte pratica.

Abbiamo visto come preparare un impasto, che non deve essere troppo denso, altrimenti la stampante non riesce a estruderlo, e neppure troppo fluido, altrimenti l’oggetto stampato collassa su sè stesso.

Abbiamo visto come caricare il materiale e come avviare la stampa. Infine, abbiamo provato a stampare qualche piccolo oggetto.

Le difficoltà di questa tecnologia non sono poche ed è ancora da considerarsi in una fase sperimentale; le potenzialità però sono tante, sopratutto nel nostro campo, e certamente gli sviluppi non tarderanno ad arrivare!

No Comments

Post A Comment